Gabriele Calindri

Gabriele Calindri

1 Album 3 Tracks

Gabriele Calindri

Nato a Milano il 2 marzo 1960, è attore e regista teatrale è nato e vive a Milano. Debutta come attore a dieci anni , con suo padre,  nel 1970 e dopo alcune esperienze ne ’71 e nel ’74 studia presso l’Accademia dei Filodrammatici di Milano dove si diploma nel 1981.

Dedica i primi anni alla ricerca studiando con Jerzy Grotowsky a Pontedera e poi con Ludwik Flaszen, Jean Paul Denizon, Peter Brook.

Dopo il debutto ne “Il cadetto Winslow” di T. Rattingan diretto dal padre Ernesto nel 1970, partecipa a numerosi spettacoli in qualità d’attore tra i quali “Il Ventaglio” di C.Goldoni per la regia di F. Piccoli,  “Esami di maturità” di Fodor e “Candida” di G.B.Shaw, sempre diretto da Ernesto Calindri; “Non si può mai sapere” di G.B.Shaw e “Le donne saccenti” di Moliere con la regia di L. Puggelli; nel  1988 inizia la sua collaborazione con il teatro dell’Elfo di Milano partecipando al “Sogno di una notte di mezza estate” e “Amleto” di Shakespeare , “Ca ira”, regia di G.Salvatores e “La danza Immobile” di H.Muller per la regia di E. De Capitani , prosegue poi, fra gli altri,  con il “Prometeo incatenato” di Eschilo con la regia di L. Flaszen, “La bottega del caffè” di C. Goldoni con la regia di Gigi Dall’Aglio, “L’anitra selvatica” di H.Ibsen con la regia di O.Corbetta,  “Il ritorno a casa” di H. Pinter con la regia di G. De Monticelli, “Delitto e castigo” di F. Dostoevskji e “I Giganti della montagna” di L. Pirandello, regia di L. Chiappara, “La notte canta” di J. Fosse regia di B. Mazzone, “Non svegliate Cécile, è innamorata” di G.Lauzier, regia di E. De Capitani, “Ascolta! Parla Leningrado” regia di S.Ferrentino , “Kvetch” di S. Berkoff, regia di E. Cremascoli e “Fuga in città sotto la luna” da T. Landolfi e B. Vian, con la regia di Cristina Crippa.

In questi anni ha lavorato con attori e registi tra i quali ricordiamo, dopo Ernesto Calindri, Ugo Bologna, Lia Zoppelli, Paride Calonghi, Fantasio Piccoli, Valeria Ciangottini, Renzo Ricci, Olga Villi, Mario Ferrero, Giuseppe Pambieri, Stefano De Sando, Paola Borboni, Nando Gazzolo, Giuseppe Albertini, Luigi Pistilli, Stefania Graziosi, Lamberto Puggelli, Susanna Marcomeni, Edoardo Borioli, Gianni Musy, Paolo Bonacelli, David Sebasti, Pia Lanciotti, Elio De Capitani, Ida Marinelli, Ferdinando Bruni, Eugenio Allegri, Ivana Monti, Luigi Squarzina.

Negli ultimi anni ha partecipato alle produzioni più significative del teatro dell’Elfo di Milano come “La bottega del caffè” di R.W.Fassbinder, “Happy Family” di A. Genovesi, “Racconto d’inverno” e “Otello” di Shakespeare,  “The History boys” di A. Bennet, e “Morte di un commesso viaggiatore” di A. Miller.

Ha studiato e approfondito autori come Beckett, Dostoevskij, Molière, Pirandello, Pinter, Shakespeare, Goldoni, Fassbinder, Cechov.

Come regista ricordiamo, tra i numerosi allestimenti , “Risvegli” da O. Sacks, “Indovina chi viene a cena” di W.A.Rose, “La peste” di A. Camus, “Ciao tu”, di B.Masini e R. Piumini (regia condivisa con Elisabetta Ratti), “Casa di bambola” di H. Ibsen e “Destinatario sconosciuto” di K.K. Taylor, replicato a Milano per dieci anni.

Dal giugno 2015 lavora, in collaborazione con Elisabetta Ratti, per mantenere in vita un laboratorio permanente per attori professionisti con incontri mensili su “Il gabbiano” di A. Cechov, allo scopo di approfondire temi e  tecniche di lavoro riguardanti  la  recitazione.

Da sempre appassionato di doppiaggio, ha avuto la fortuna e il privilegio di coronare un sogno che aveva fin da piccolo.

Appena uscito dagli studi in Accademia (1982)si è dedicato a questa bellissima professione doppiando e dirigendo prodotti di varia natura, dai cartoni animati, alle soap operas, ai telefilm e film tv e cinema.

Come doppiatore ricordiamo: “I Cavalieri dello Zodiaco”, “Naruto”, “Kiss me Licia”, “Yu-Gi-Oh!”,  “Dragon Ball”,  “Gli sceriffi delle stelle”, “Cristoforo Colombo”, “D’Artagnan e i moschettieri del Re”, “Superman”, “Siamo quelli di Beverly Hills”, “Dino Riders”,“Littlest Pet Shop”, per quanto riguarda i cartoni animati.

“Sentieri”,  “Una vita da vivere”, “Acacias 38” per le Soap Operas.

“MTV undressed”, “La famiglia Hogan”, “Missing”, “La signora del west”, “The Guardian”, “Power Rangers”, “The Purge” per i telefilm.

“America’s Prince: The John F. Kennedy Jr. story” , “Il canto di Natale” , “Il ragazzo che gridava al lupo… mannaro” , “Riverman, storia di un serial killer”, “Flight 93” , “La leggenda dell’isola maledetta” per I film tv. 

“Fatal Fury” , “Scooby Doo aiutaci tu: L’isola degli Zombie”, “Scooby Doo e il fantasma della strega” , “Yu-Gi-Oh! Il film” , “Balto 3” , “La grande avventura di Aramis” , “Ken il guerriero” , “I Cavalieri dello Zodiaco” per i film cinema d’animazione.

“The trench” , “Un microfono per due” , “Una gorilla per amica” , “Agguato nell’isola della morte” , “Power Rangers il film” , “Elle” , per i film cinema.

In qualità di Direttore ha diretto diversi cartoni animati, tra i quali ricordiamo:

“James Bond Junior” , “L’ispettore Gadget” , “Milly il Vampiro” , “Wonder Bevil” , “Naruto” ,  “MAR”, “Blue Dragon” , “Le avventure di Chuck and Friends”.

“Sentieri” , “Casa Hughley” , “Thief : il professionista” , “Tierra de Lobos” , “Ironside”, “Il giovane Indiana Jones” , “Murder in the first” serie 1, 2 e 3, “The purge”. Per quanto riguarda i telefilm o serie televisive.

E infine per film tv e cinema:

“Agguato nell’isola della morte” , “The Glow” , “Return to the Batcave” , “Attica” , “Master spy: The Robert Hanssen story” ,  “Muhammad Ali” .

Storie di Premier
--
  • premier italians do it better calcio
    03. Italians Do it Better

    “Italians do it better” è la scritta di una maglietta che indossò Madonna nel video “Papa don’t preach” nel 1986. Da allora per noi italiani è diventato un marchio di fabbrica da esibire con orgoglio in qualsiasi occasione. Nel calcio sono in tanti gli italiani ad aver dimostrato che anche noi, tutto sommato, siamo bravi a tirare calci ad un pallone. Ne raccontiamo tre storie, quelle di Marco Negri, Fabrizio Ravanelli e Gianfranco Zola

  • storie-di-premier_la-maglia-numero-7
    02. La maglia numero 7

    Non tutte le maglie sono uguali. La numero 7 del Manchester United, ad esempio, pesa più delle altre. L’hanno indossata 4 magnifici campioni che hanno fatto la storia di Old Trafford: George Best, Eric Cantona, David Beckham e Cristiano Ronaldo. Questa è la loro storia con la maglia dei Red Devils.

  • 01. Il pallone sul grande schermo

    “Il gioco del calcio è una metafora della vita”, diceva Sartre.
    In questa prima puntata di Storie di Premier vi raccontiamo tre situazioni, molto diverse tra loro, che partono da un pallone e da un rettangolo verde, ma arrivano a delineare passioni e sentimenti universali, storie da film, che infatti sono approdate sul grande schermo: la storia di Brian Clough e della sua incredibile carriera, dell’Arsenal degli anni ’90 (visto da Nick Hornby) e dei Tons dei quartieri navali di Greenock, in Scozia.